it-ITen-USco-FRde-DE

Pro Capitanata

Pro Capitanata

RETE COMUNITA' 
LA SOCIETA'  A COSTO MARGINALE ZERO

Buone Prassi

Una strategia industriale per l'idrogeno verde

Una strategia industriale per l'idrogeno verde

In Commissione Senato si è parlato della Hydrogen Valley che realizzeremo in Provincia di Foggia 

Read More
Cooperativa di Comunità Biccari

Cooperativa di Comunità Biccari

Un bel esempio di Comunità Collaborativa e Solidale della Provincia di Foggia.

Read More
Chi coniugherà il nuovo paradigma dello sviluppo

Chi coniugherà il nuovo paradigma dello sviluppo

Il nuovo paradigma dello sviluppo

Read More
Denuncia o Rivoluzione culturale, gentile

Denuncia o Rivoluzione culturale, gentile

La rivoluzione culturale, gentile.

Read More
Il Concetto di Libertà

Il Concetto di Libertà

Come cambia la nostra idea di libertà

Read More
Produttività e Sostenibilità

Produttività e Sostenibilità

La resilienza degli ecosistemi

Read More
 Le biobanche regionali

Le biobanche regionali

Modello di rete per biobanche regionali. Read More
Foggia - Roma - La prima tratta sul TRENO che viaggia a 1000 Km/h

Foggia - Roma - La prima tratta sul TRENO che viaggia a 1000 Km/h

Il Mezzogiorno d'Italia non sta a guardare.

Read More

Treno ad alta velocità

Nella progettualità Pro Capitanata per l'utilizzazione dei fondi del Recovery fund prevista la prima tratta in Italia, Foggia - Campobasso - Isernia - Roma, con il treno del futuro realizzato in Puglia. Capsule a lievitazione magnetica consentiranno ai giovani foggiani di raggiungere Roma in poco più di 18 min.

Il Mezzogiorno d’Italia non sta a guardare.

La centralità nazionale della Capitanata e della città di Foggia nell'affascinante materia dei Tratturi e Transumanze è una necessità primordiale per il rilancio dell'Agricoltura di Capitanata – obiettivo primario per lo sviluppo e la crescita.

(6) Eustacchio Antonucci

IL SISTEMA TRATTURALE DI CAPITANATA 
Un efficace sistema di massima integrazione a rete delle cinque città di Capitanata (chiamala come vogliamo : romantica Pentapoli, ovvero Territorio-Snodo di Capitanata, ovvero Sistema poli-urbano integrato di Capitanata, etc,) poteva - e potrebbe ancora - essere certamente quello del coordinamento sovra-territoriale tra i "Piani comunali dei Tratturi". Che, invece, in modo assurdo si è sviluppato autonomamente attraverso cinque autonomi PTC. Contro il caso speciale ed unico dell'originario territorio di Capitanata, essenzialmente e profondamente "tratturale" nella sua visione generale di sempre (transumanza storica e Cerniera radiale di oggi).
I cinque Piani comunali dei Tratturi seguono ovviamente la prassi normativa regionale, che non ha previsto, in particolare, i casi "speciali" inderogabili, come quello di Capitanata. 
Poteva essere questa, invece, una delle più efficaci occasioni per stabilire una prima integrazione territoriale, in particolare pentapolare di Capitanata (la Pentapoli ovviamente in versione moderna). Attraverso una prima serie di "canali verdi attrezzati" e/o integrati (come si dice in gergo), come primo passo di sostenibilità vasta. Policentrica. Di collegamento "lungo", poli-urbano e/o pentapolare, certamente più concreto e visibile di quello attuale, sparpagliato (autonomia urbana disarmante a scala di territorio). Iniziando soprattutto dalla interconnessione ambientale e paesaggistica. Poi con interventi lunghi di successiva funzionalizzazione policentrica interconnessa. Via via sempre più centrifuga, contro la tendenza centripeta delle singole città di Capitanata.
Per "misurare il Tavoliere" infinito con riferimenti di relazione urbana dilatata. In particolare urbana-rurale, che ritorna ad essere se stessa. Estesa in un territorio essenzialmente agricolo in attesa di una necessaria e nuova integrazione e non di isolamento particolare di oggi. Anche separando le tematiche agricole da quelle urbane insediative. 
Ricucendo, così, gli antichi due Poli della identità profonda della Capitanata - la grande estensione e qualità agricola di Capitanata e le antiche "Città contadine" di una volta, oggi riportate ad una funzione generale moderna. Senza snaturare.
Per riprendere il discorso del Paesaggio unitario di pianura ed altro - il Patto "città-campagna" del Piano paesaggistico regionale. Il Paesaggio è oggi, dovunque, lo strumento innovativo, "ribaltato", di una nuova generazione della "pianificazione urbanistica sostenibile".
Per creare nuova contestualità espansiva, attraverso i canali dei "servizi territoriali" lunghi. Superando la logica dei grandi "Servizi territoriali" come isole autonome, magari ad appannaggio solitario di alcune delle città della Pentapoli.
Un "Piano direttore generale" dei singoli "Piani comunali dei Tratturi". Forse in uno al "Piano strutturale territoriale" derivante dal confronto dei cinque "Piani strutturali" (allo stato autonomi, indipendenti) dei PUG comunali in itinere.
Se crediamo ad un minimo di possibilità policentrica territoriale (Territorio-Snodo o altro), la interconnessione del "sistema tratturale di Capitanata" può essere un primo passo essenziale, semplice, senza costi aggiuntivi, a fronte di un "progetto di territorio" generale, altrimenti difficoltoso, lungo, costoso.
Ho letto, in uno stralcio giornalistico locale di un post di Giuliano Volpe (chiedo scusa per l'assenza sui titoli personali), che Michele Pesante ripropone il tema della valenza "tratturale territoriale unitaria" di Capitanata (tema ripreso ieri a Pescara nell'incontro delle due delegazioni di Italia Nostra di Pescara e Foggia). Contro gli arretramenti regionali in merito (?). 
Che possibilità esiste sulla effettiva ripresa del dibattito sul "sistema indivisibile" dei Tratturi di Capitanata?
Infine. Il primo step di un Piano unitario del "sistema tratturale di Capitanata" diventa anche una prima intuizione di unitarietà generale e profonda del "Progetto Pro Capitanata" in corso, perché il reticolo continuo dei canali tratturali è una necessità primordiale dell'Agricoltura di Capitanata.

Eustacchiofranco Antonucci. 30.11.2015

Capitanata, assieme al treno tram sfuma il cuore della programmazione comunitaria.

Capitanata, assieme al treno tram sfuma il cuore della programmazione comunitaria. È mancata una efficace cabina di regia che sostenesse il complesso iter del progetto. Foggia, non può disattendere il ruolo di soggetto capofila, insieme alle altre città della pentapoli (Manfredonia, San Severo, Lucera, Cerignola) della programmazione comunitaria dell’intera Capitanata, tema sollecitato da Geppe Inserra. La programmazione comunitaria non può prescindere da un masterplan, “uno strumento informale, non regolato da specifiche norme di legge, in grado però di esprimere e manifestare in maniera tangibile un’idea condivisa di territorio, di città. Uno strumento-processo che sviluppa, con particolare attenzione, il tema della forma dello spazio collettivo, del ruolo e dell’immagine del territorio, della città quali elementi strategici. (Concetto ripreso dal Masterplan di una città dell’Italia Meridionale – Pescara – tanto cara ad Eustacchio Antonucci)”. Gli agricoltori della Capitanata, che hanno dato vita all’Imprenditore Collettivo, RETE SPAC, grazie alle professionalità che ne fanno parte avevano visto bene allorché si fecero carico di redigere il Masterplan Capitanata. Certo, non avevano la presunzione di aver scritto il Masterplan quello più congruente con le esigenze del territorio ma volevano solo stimolare l’interro Sistema Sociale ad una forma di collaborazione collettiva. Uno strumento indispensabile per lo sviluppo e la crescita, sostenibili, strategici, innovativi e integrati della Capitanata e del suo Capoluogo. Indispensabile per pianificare e programmare anche la mobilità in tutte le sue forme, per il recupero delle infrastrutture presenti e per essere artefici della innovazione anche nel settore del trasporto delle persone e delle merci. Gli agricoltori della Capitanata ritengono che solo così ci si potrà allineare con il Rapporto Svimez 2018.

Michele Pesante - Si vede,si sente e si subisce una regione fatta male. MOBILITA'

Foggia 28/03/2019


Michele Pesante Le distanze incompatibili della Regione Puglia.

Foggia-Campobasso 92 Km.

Foggia-Potenza 108 Km.

Foggia-Benevento 112 Km.

Foggia-Avellino 120 Km.

FOGGIA-BARI 136 Km.

Foggia-Isernia 140 Km.

Foggia-Salerno 155 Km.

Foggia -Napoli 175 Km

Foggia-Pescara 192 Km

FOGGIA-TARANTO 216 Km.

FOGGIA-BRINDISI 245 Km.

Foggia-San Benedetto del Tronto(Marche!!) 260 km.

FOGGIA-LECCE 283 Km.

Qualcosa non va. La geografia conta.

Si vede, si sente e si subisce una regione fatta male.

Suggestivo quanto dice Michele Pesante sulla civiltà della Transumanza. Non meno suggestivo il contributo di Federico Massimo Ceschin – “La Mobilità, oggi”.



 

RETE SPAC

Contattii 

Miichele Pesante

Sapere che nelle mie vene scorre sangue foggiano,faetano e cellese mi riempie d'orgoglio e felicità
Michele Pesante
Foggia "centro di gravità".Capitale secolare della Regia Dogana delle Pecore di Puglia(Secc.XV-XIX)

Geppe Inserra

Non è il cammino che è difficile, ma il difficile che è cammino. (don Tonino Intiso)

informativa cookies

In questa piattaforma web utilizziamo strumenti, anche di terze parti. I cookie vengono normalmente utilizzati per il buon funzionamento della piattaforma (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti (cookie di profilazione).

kissanime